Nuova pagina
- Cinque Terre Web -
Nuova pagina

- Trova Prezzi -

- Italia Città srl -

Carrara - Pag 01 -
Sull’etimologia della parola “Carrara”, nel corso dei secoli sono state elaborate varie teorie. S. Girolamo, ad esempio, sosteneva che il nome derivasse da “CAR”, che significa “città sui carri” e da IARA, il cui significato è “luna”; la spiegazione completa risulta quindi “Città della Luna sui Carri”.

Altre due interpretazioni considerate verosimili sono quelle fornite da Emanuele Repetti e da Ezio Dini. Il primo individuava l’origine del nome nel latino “CARRARIAE”, da cui il francese “CARRIERE”, cioè “Cava”; il secondo invece ritiene che derivi dal latino “CARARIA”, cioè “Luogo dei cavi”. L’architettura carrarese ha un elemento costante che si ripete un po’ in tutte le costruzioni della città: ruota che, peraltro è anche il simbolo del comune. La popolazione coniò anche un detto: “Fortitudo mea in rota”, ossia “La mia forza è nella ruota”.

Il primo documento ufficiale del quale si ha notizia, risale al 963 ed è il “Codice Pelavicino di Ottone I di Sassonia", un volume in pergamena conservato nell’archivio capitolare di Sarzana. In realtà, le origini del codice risalgono addirittura al 900 anno in cui, Berengario I, re d’Italia, conferma al vescovo di Luni Adalberto il possesso della "Curtem de Carrariae" che comprendeva anche la zona circostante la città.

Precedentemente però abbiamo un altro documento risalente al V secolo, redatto da Sant’ Agostino nel suo 365° sermone, in cui si lamenta del comportamento scorretto del prete carrarese Leporio. Anche se si può identificare quella città con la sua corrispondente odierna, non si può essere certi che quella città sia veramente la Carrara che conosciamo.

avanti...

Nuova pagina
Menu Territorio
Relation Link
- Scagliarini -
- Sapori d
- Centro Impiego MS -
Nuova pagina